Dal giornale l’Adige del 29 novembre

PRIMIERO – Quando il colpo ? partito da uno dei fucili di quei due cacciatori; quando il colpo ha squarciato il petto di Zampa, un cucciolo neppure un anno di lupo cecoslovacco; quando quei due hanno preso su e se ne sono andati, cos? come nulla fosse, che cosa si sono lasciati dietro? Guardino la foto, di Zampa, felice, vivo e di quel bambino Mathias, soli 11 anni, cui loro, orchi cattivi con il fucile, hanno portato via in un attimo la gioia, l’affetto, la fiducia. Succede in un fine settimana di caccia. Ma questa non ? caccia. E’ l’imbrunire, sulla montagna del ?Zocaril?, quattro chilometri dal centro di Siror, prendendo per San Martino. Ci abita da quasi un anno, in un maso, la famiglia Marinoni. Pap? Massimo, mamma Laura e Mathias. La vita li ha portati in quel posto, lasciate le brume di Venezia; l’umido alto del bosco fa bene a Mathias. Il piccolo va a scuola, la mamma custodisce il maso, il pap? si arrangia coi suoi cavalli, parcheggiati a Canal San Bovo, nell’attesa di un sogno: un maneggio tutto suo. Laura ? nel bosco coi cani, tra il maso e la strada forestale che porta ai ?Zismoni?. Zampa, agile, davanti; dietro, l’altro cane Bel, un ?montagna dei Pirenei? bianco ed enorme, anche se ha soli 20 mesi. Il silenzio ? scosso da uno sparo. Bel ulula come mai ha fatto. Laura sente lo sparo vicinissimo; si chiede se poteva essere colpita anche lei. Zampa sar? a una cinquantina di metri, gi? sulla strada. Lo hanno colpito da tre metri. Probabilmente, ? andato incontro agli aguzzini, visto che ? stato svezzato a fiducia nell’uomo. La pallottola ? pesante e devastante, da carabina da caccia al cervo. Le ferite irreversibili. Un vicino di maso accorre sulla strada, giusto il tempo di sentirsi dire da quei due senza averlo chiesto che avevano visto i due cani venti minuti prima su al rifugio; giusto il tempo di vederli salire su una macchina bianca e prender via. Se anche lo scuro li avesse tratti in inganno, perch? non ferma rsi e non scusarsi? Logica ? scattata dai Marinoni la denuncia contro ignoti, anche se nel mondo venatorio, quello vero e corretto, si fa il nome dei soliti noti. C’erano molti animali nel bosco, l’altra sera…29/11/2006

50 Commenti a “Dal giornale l’Adige del 29 novembre”

  1. vanessa scrive:

    Cosa dire???mi piange il cuore per il piccolo cucciolo!!!!Ma purtroppo di questi bastardi ce ne sono in giro tanti, troppi… e a me non resta che ridere quando vanno a caccia e si sparano tra di loro perch? sono talmente assetati dalla voglia di sparare che scambiano i loro amici per cinghiali…SIETE PROPRIO DEI POVERINI!!! Ringrazio solo il Signore per aver fatto tanta gente col cuore che aiuta gli animali!!!Grazie a tutti voi!!! Ciao Licia.

  2. unasemplicetelespettatrice scrive:

    BASTA CON LA CACCIA CHE E’ SOLO FONTE DI CRUDELTA’ ED INCIDENTI.
    QUELLA SERA E’ TOCCATO ALL’INNOCUO ZAMPA, MA POTEVA ANCHE TOCCARE AI SUOI PADRONI… CHE NON SONO NEPPURE LIBERI DI FARE UNA PASSEGGIATA.
    HO UNA PROPOSTA PROVOCATORIA PERCHE’ NON SI ALLESTISCONO RISERVE VENATORIE PER CACCIATORI IN CUI LE PREDE SIANO LORO STESSI?! TUTTO QUELLI COME ME CHE SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARI ALLA CACCIA NE SAREBBERO DAVVERO CONTENTI: CHE SI SPARINO TRA DI LORO, VISTO CHE SONO L’UNICA RAZZA CATTIVA DEGNA D’”ESTINGUERSI”!

  3. Barbara scrive:

    Bruttissima cosa che purtroppo capita non di rado da parte di “cacciatori” che io chiamo pazzi assassini. L’episodio non ha bisogno di commenti… io penso purtroppo anche al piccolo Mathias perch? ho vissuto anche io da piccola una esperienza simile (dei criminali hanno ucciso il mio cane rompendogli la schiena con una pala ed io ho sentito mio padre che lo diceva a mia madre pensando che non lo sentissi) e sono rimasta scioccata per mesi. Poi i miei hanno deciso di prendere un’altro cane, ma ancora adesso penso al piccolo Briciola con nostalgia e dispiacere soprattutto sapendo che ? morto in maniera brutale, ucciso da coloro ai quali andava incontro gioioso come Zampa. Spero che certa gente soffra le pene dell’inferno e morendo pensi al male che ha fatto. Non ? un pensiero molto cristiano ma sicuramente molto liberatorio.

  4. daniela scrive:

    Se l’Uomo riuscisse, per assurdo, a vedersi “dal di fuori”e studiasse se stesso come fa con le altre speci!
    Se qualsiasi altro animale stesse agendo verso l’ambiente e le altre creature con la stessa lucida e crudele forza distruttrice, si sarebbe gi? scatenata una reazione planetaria cos? come si vede nei film contro gli alieni cattivi.
    Gli alieni siamo noi ed io, in un mondo cos?, faccio sempre pi? fatica a vivere.
    La cattiveria spezza il cuore, ma io spero che il piccolo Mathias sappia trasformare la sua sofferenza in forza di combattere, per ridare ai bimbi e ai cuccioli un mondo sicuro.

  5. L'Apologeta scrive:

    Mi spiace per queste scene di misera barbarie, ma non si pu? generalizzare in questa maniera idiota. I veri cacciatori sono persone amanti della natura e degli animali, anche se pu? parer strano. Essi lottano tutti i giorni e tutte le notti contro chi uccide per mero divertimento, senza contare il supporto fondamentale che danno alla natura ed alla scienza, combattono per il ripopolamento delle specie rare o in estinzione e contro l’avanzare del cemento e dell’asfalto e sono i primi ad indignarsi di fronte a queste cattiverie senza senso. Farebbe meglio a tacere chi parla solo ispirato dalle scicchezze di quattro politici buonisti. I volontari nel settore venatorio non manifestano n? appendono striscioni n? commentano sui blog, come voi solo fate. Loro sono fuori, sulle montagne, nei boschi, anche adesso mentre voi leggete nel tepore delle vostre case, per combattere chi della morte fa un gioco, e meritano il rispetto di tutti, primi di tutti voi, che sapete solo disprezzare senza sapere di che cosa state parlando, che che avete una cultura ambientalista ed animalista limitata alla visione di “Bambi”, che la presunzione di chi crede di conoscere il mondo, quando non siete mai usciti dalle vostre case. Chi deve provar vergogna non siete che voi, che non sapete che ciacciare davanti allo schermo, mentre uomini coraggiosi rischiano la vita contro i delinquenti a cui voi li assimilate ingiustamente.

  6. Gerry scrive:

    La conduttrice ha definito, durante la trasmissione, “probabili cacciatori” gli sparatori nonostante non siano stati individuati i responsabili dell’odioso incidente. Basta poco, anche l’atteggiamento con cui si da una notizia come questa per accusare tutti i cacciatori di irresponsabilit? ? vigliaccheria. Ed ? quello che Licia Col? ha fatto.
    Come al solito se ne fa di tutta l’erba un fascio.
    Non sono un cacciatore, ma ne conosco tanti che vanno a caccia in tutta sicurezza sia per se che per gli altri, rispettosi della natura e sopratutto di animali che non sono compresi nell’elenco di specie cacciabili, gli incidenti succedono sempre purtroppo ma vi assicuro che si muore di piu per quelli stradali dove persone indegne piene di alcool si mettono alla guida di automobili altro che imbracciare un fucile! ma come al solito non ci si scandalizza tanto ma basta che un incidente parte da un’arma che si scatena il finimondo!

  7. bruno scrive:

    ogni persona ha il gusto di decidere della propria esistenza,in quanto effimeri al proprio gusto, uccidere ha un’altra soluzione al problema,essere indegni nel fatto di esistere.

  8. Barbara scrive:

    E bravo il nostro Apologeta che difende i poveri cacciatori che impavidi e sprezzanti del pericolo affrontano la fame e le intemperie per lottare contro il pericolo! Loro, che molto magnanimamente pagano fior di quattrini per porto d’armi, permesso di caccia, fucili e munizioni e… non lo fanno per divertimento, ma bens? per dovere! E s?, lo fanno per difendere noi poveri deficenti che stiamo navigando in internet dal pericolo di invasione di animali feroci!!! Quindi offriamogli un fiasco di vino, altro che critiche. Se poi qualcuno di loro si diverte uccidendo cani e gatti… beh, ce ne sono tanti uno pi? uno meno… E’ vero, combattono per ripopolare le specie in via di estinzione ed ? pur vero che poi queste stesse specie vanno tenute sotto controllo ed evitare che diventino in esubero… Non vorrete mica poi che questi signori vadano a caccia a mani nude come facevano gli indiani o con la clava come l’uomo primitivo! Va bene essere coraggiosi ma non esageriamo. E poi perch? Licia ha detto supposti cacciatori? E’ risaputo che anche in Italia siamo oramai come negli USA: chi non va in giro armato di fucile in piena campagna? Bisogna pur essere preparati ad eventuali assalti da parte di pericolosi criminali che pullulano nei boschi di montagna in attesa di rapinare coloro che vanno a passeggio nel verde. Ed ? anche vero che tutti i cacciatori amano gli animali: amano i cani perch? servono a cacciare e se poi non servono pi? perch? invecchiano o vengono feriti gravemente dal cinghiale e non possono pi? cacciare li sopprimono ma lo fanno per il loro bene perch? soffrirebbero troppo a stare a riposo. Ed amano anche la selvaggina… chi pu? negarlo? A modo loro ma la amano (al forno, in salm?…ecc…) Mi sfugge una cosa sola: i cacciatori di notte sono a sfidare le intemperie per il bene dell’umanit?, noi poveri idioti siamo a ciacciare davanti al computer… l’Apologeta cosa fa? P.S.: quando io parlo di caccia e cacciatori SO DI COSA PARLO non fosse altro per il fatto che abito vicino al bosco, che conosco i cacciatori della zona uno ad uno e so che non tutti sono pazzi o bracconieri, ma per favore evitiamo di santificarli o martirizzarli anche perch? ultimamente i santi aumentano in maniera esponenziale. In ultimo ho avuto pi? danni dai cacciatori che non dai cinghiali: recinti abbattuti per passare pi? velocemente, pecore scannate dai cani affamati, ma sempre per il loro bene perch? a stomaco vuoto corrono meglio! Altro che isola dei famosi quelle povere bestie potrebbero fare un nuovo reality l’isola dei cani pulciosi perch? hanno pure quelle, ma i poveri cacciatori non gliele tolgono perch? non farebbero mai del male a dei poveri insetti indifesi.

  9. beppe da bari scrive:

    Anche tu barbara sei una di quelle a cui e stato fatto il lavaggio di cervello su noi cacciatori e tutto il mondo che ci circonda,addestrata a buttare fango su cio che riguarda il mondo venatortio.Molti sono quelli come te che non si chiedono da dove viene quella fettina di carne.Te lo dico io.Mettendo assieme tante fettine ,un po’ di ossa, a seconda ,puo’uscirne un vitello, un cavallo,un agnello e chissa’ quanti altri animali.Ma voi siete solo degli ipocriti,tanto non vi ponete il problema, perche’c'? qualcuno che ammazza per voi.Vuoi un cosiglio, mangia solo cimedirapa con gli strascinat e taci .

  10. Barbara scrive:

    Se ho bisogno di consigli so a chi chiederli e non li accetto da un certo Beppe da Bari che mi parla di strascinat e non trovo il significato sullo zingarelli. Sono vegetariana e nessuno mi ha fatto il lavaggio del cervello… Ho amici ahiloro cacciatori che anzi cercano di convincermi sulla loro bravura e altruismo. Quello che so ? che purtroppo troppe volte ho dovuto collaborare con la responsabile dell’ufficio tutela animali della mia provincia e con le forze dell’ordine per sequestrare cani tenuti in condizioni pietose dai cinghialisti. Nella mia lettera ho poi specificato che so che non tutti i cacciatori sono uguali, ma quelli veramente onesti non si preoccupano di segnalarlo perch? sanno di essere tranquilli. Questo mi ? stato confermato anche da amici cacciatori con i quali ho parlato questa mattina di questa vicenda. Anche loro sanno benissimo che ci sono tante teste calde e tanti bracconieri tra i cacciatori. Purtroppo non riescono ad isolarli mi han detto perch? ce ne sono tanti altri che li coprono omertosamente a discapito di tutta la categoria, ed ? quello che stai facendo anche tu.

  11. vanessa scrive:

    Grande Barbara!!!!Meno male che ci sono persone come te…..e poi caro Signor cacciatore Beppe io sono vegetariana e so il perch?…l’uomo delle caverne cacciava per mangiare e soprevvivere, tu per cosa lo fai?????PER PURO EGOISMO E DIVERTIMENTO…perch? nel 2006 si pu? vivere anche senza!!!! Prima di parlare ed offendere impara a vivere, perch? al mondo non sei da solo e non sei Ges? Cristo per decidere cosa ? giusto e cosa no!!!Vuoi un consiglio, continua a mangiare cime di rapa e riempiti la Bocca!!!!! Un saluto a Barbara.

  12. L'Apologeta scrive:

    Anzitutto questa storia di gente che se ne va in giro armata per le campagne mi puzza d’improvvisata malriuscita…
    Secondo, e ben pi? importante: il fatto che siano stati cacciatori a compiere il gesto riportato dalla Col? ? di pura invenzione. Difatti, come ha gi? ricordato Gerry, queste persone non sono mai state identificate. Perch? parlare di cacciatori in questa maniera gratuita, allora? Tanto per questioni di rancori personali, francamente riparmiabili.
    Poi cosa importa a lei della situazione patrimoniale dei cacciatori? Forse che io son venuto a fare i conti in tasca agli animalisti? Non tiri in ballo cose che non c’entrano e che non conosce, tanto per dare volume al suo intervento… farebbe una miglior figura.
    Non si preoccupi, poi, gli USA sono, putroppo e per fortuna, ben lontani e diversi da noi. Solo da noi la giustizia si prodiga tanto contro chi ha a che fare con le armi in maniera indegna e talvolta ridicola. Se non fosse per “qualche” poveraccio che finisce in galera pur non avendo mai fatto nulla contro la legge e contro il prossimo.
    E se davvero ? convinta di essere come negli USA, la invito a visitare il sito http://www.earmi.it , di Edoardo Mori, magistrato italiano ed ottimo giudice di giudici scriteriati. L? vi ? una raccolta di sentenze esilaranti, se non fosse per chi le subisce.

    Una curiosit?: tra le sentenze raccolte ve ne ? proprio una sancente la condanna di un uomo che ha “cacciato” un uccello con le mani… fosse che lei porta pure sfiga?

  13. daniela scrive:

    Lavaggio del cervello?
    Addestrata da chi?
    E che .azzo ne sapete di cosa mangia chi?
    Chi si confronta qui, di solito educatamente, pensa autonomamente e si esprime su temi che la coscienza umana mette in gioco con una sua sensibilit? e una sua storia alle spalle.
    Ma voi arroganti cacciatori (si certo chi pi? chi meno, ma arroganti siete) vedo conoscete solo il linguaggio delle offese e del disprezzo.
    QUANTO ALLE FETTINE, dovrebbero essere quelle della vostra lingua cattiva quanto il vostro cuore, e lasciatemelo dire perch? ? ora di finirla con queste incursioni!

  14. bruno scrive:

    a quella povera mezza sega di beppe da bari addirittura,abbiamo bisogno di rincoglioniti come a te per sorvegliare le pecore.A patto che non me le uccidi prima di produrre il latte.

  15. bruno scrive:

    per l’altra mezza sega dell’apologeta,se veramente la caccia ? uno sport cos? nobile vorrei vedere a te povero stronzo affrontare un grizzly o orso bruno americano con un coltello e non con un arma di precisione dato che ti piace cos? tanto la caccia e uccidere?

  16. L'Apologeta scrive:

    L’apologeta non ha mai cacciato, n? tantomeno si ? mai permesso di insultare nessuno, sebbene gli riesca particolarmente bene, quando vuole. Signor Bruno la caccia non ? solo sport, anzi, questo ? l’aspetto minore. Se poi lei si mostra talmente plagiato dal senso comune, nonch? frustrato, da non saper rispondere a tono in una discussione, questo non ? affar mio.
    Voi dovete essere di quelli che gioiscono quando accadono fatti come questo o, per citare gli orsi di Bruno, come quello dell’orso italiano ucciso in Germania, cos? da aver modo di aprire i vostri rubinetti di insulti contro coloro che disprezzate senza conoscere.
    Quanto alle teorie secondo cui oggi la carne non ? pi? necessaria nell’alimentazione, basta leggere un qualsiasi libro, anche un fumetto, per capire che non funziona proprio cos?. Se invece la non necessit? era riferita alla caccia, le dico subito che moralmente preferisco mangiare un animale vissuto libero per tutta la vita e conseguentemente cacciato, anzich? un altro che ha vissuto in gabbie con qualsiasi nome, col solo scopo nella vita di essere mangiato. E dal punto di vista della salute preferisco mangiare un animale che ha mangiato sempre e solo quel che la natura gli ha dato, piuttosto che uno che non ha mangiato altro che mangimi e schifezze chimiche dalla nascita alla macellazione. Non si ? mai sentito parlare della sindrome del cervo pazzo, o del capriolo o del cinghiale o della lepre…
    Mi sembra che a salute se la passino meglio i cacciatori di tutti gli altri, vegetariani o meno.
    A chi poi ritiene che la caccia oggi non sia pi? necessaria, tanto c’? l’allevamento!, consiglierei di andare a fare un giro in un qualsiasi allevamento di animali, per poter vedere coi propri occhi a cosa sono condannati gli animali nati solo per la cibazione. Per loro il macello ? la liberazione, gli animali cacciati li invidiano soltanto.

  17. vanessa scrive:

    Bravo Brunooooooooo….il vero uomo si distingue anche per questo , questa ? classe e vero rispetto….com’? caro Signor beppe non parli pi?, forse le cime di rapa ti sono andate di trverso!!!!??????Complimenti a ncora a Beppe!!!

  18. Barbara scrive:

    Ciao Vanessa, ciao Daniela e ciao Bruno! Meno male che mi rincuoro a leggere le vostre righe! Certo che se siamo animalisti ? obbligatorio che ci abbiano fatto il lavaggio del cervello per certa gente! Una domanda per l’apologeta: “Ti sei mica sentito sfiorare da una lieve brezza ultimamente?” Era il vento dell’ironia che viaggiava ai duecento all’ora quando parlavo del viaggiare armati vicino ai boschi. Certo che per fortuna qua non abbiamo l’abitudine alle armi come negli USA. Ne ? prova il fatto che per il momento ragazzini di 12/13/14 anni non hanno ancora fatto strage di compagni di scuola. Per quanto riguarda la situazione patrimoniale dei cacciatori, non sono io che faccio i conti, ma loro che dicono di spendere soldi per aiutare la comunit? e difenderci dai mostri a 4 e 2 zampe… ? infatti risaputo che fringuelli e tordi sono aggressivissimi nei confronti degli umani. Una domanda sorge spontanea: chi glielo ha chiesto? Se vogliono fare beneficenza possono trovare altri modi… se vanno a caccia per il gusto di cacciare lo dicano senza ipocrisia e viva la sincerit

  19. vanessa scrive:

    Bravissima Barbara, ma cosa vuoi pretendere da uno che si fa chiamare L’Apologeta,che ridere!!!!Neanche il coraggio di dire il proprio nome….credo perch? stia un gradino sopra tutti noi poveri deficienti animalisti!!!!!Evviva L’IGNORANZAAAAA!!!!!

  20. L'Apologeta scrive:

    E’ strana la coincidenza… ? la seconda volta in due giorni che mi si rinfaccia di non firmare. E’ vero, ? vero, ma rispondo sempre a tutte le obiezioni ed accuse che mi si pongono. Meglio rispondere con un’altra firma piuttosto che firmare senza aver detto nulla, vero signorina Vanessa?
    (Anche se non capisco come “vanessa” possa definirsi una firma reale, ma non mi interessa. Se proprio vuol farmi capire chi ?, cos? che io possa venirla a trovare, pu? sempre aggiungere, cognome, indirizzo e magari il telefono. O magari il codice fiscale. A cosa mi serve che lei mi dica che si chiama Vanessa quando discutiamo su internet? Forse poi dovr? invitarla a cena per continuare? Secondo me l’importante ? semplicemente individuare da chi provengono le diverse opinioni, del nome vero non penso interessi nulla a nessuno. E poi io sono superbo, il nome “d’arte” lo voglio e basta.)
    Incasso il colpo dell’ironia, che, francamente, non avevo notato. Non ci ero arrivato. Ma penso comunque di aver dato una interpretazione compatibile con la forma con cui ? stata scritta e, soprattutto, con la filosofia che mi viene contro. Sono certo che ha capito cosa voglio dire.
    Per non incappare ancora nella mia ingenuit? per? le vorrei chiedere delucidazioni su cosa mai dicono i cacciatori riguardo a mostri a due o quattro zampe. Se ho capito bene le vorrei dire che non mi risulta che i cacciatori abbiano mai detto di difenderci dall’attacco degli animali. Gli animali possono essere, se in sovrannumero (come molti sono in Italia), pericolosi per l’uomo, ma non perch? l’attacchino, bens? perch? sono causa di incidenti stradali ed inconvenienti di altro genere; oltre ad essere “nocivi” per l’uomo perch? possono devastare le coltivazioni.
    E tutti gli abbattimenti fatti dai cacciatori sono contati non dalle associazioni venatorie, bens? dagli organi competenti dello Stato all’interno della Guardia Forestale. Che si basano su rigorosi calcoli scientifici, e che finora non stanno portando che all’aumento controllato dei capi, compatibilmente con l’ambiente.

    PS Alla faccia del clima tranquillo ed educato!
    PPS Sinorina Vanessa cara, se confessa lei stessa di ignorare come si permette di giudicare? Questo si chiama parlare a spoposito, lei ne va forse fiera? Ignorare non ? una colpa (ci mancherebbe!), la superbia del voler parlare comunque, s

  21. daniela scrive:

    Lo vedete che volendo si pu? discutere portando anche qualche argomento? Grazie per lo sforzo, Apologeta.
    Sia chiaro: per noi animalisti era gi? molto evidente che gli allevamenti sono una vergognosa tortura. Sono perfettamente d’accordo che un animale infelice e snaturato non possa essere un buon cibo ma anzi veleno. Ed ? vero che mucca pazza insegna(Uomo pazzo ? pure sotto gli occhi di tutti ma sembra non se ne accorga nessuno).
    E’ proprio questo l’argomento che uso quando devo spiegare la mia scelta vegetariana a chi mi sbeffeggia o si imbarazza se rifiuto una pietanza a base di carne.
    Ciononostante non posso (semplicemente mi si rivoltano stomaco e cuore in un tutt’uno) pensare che allora potrei nutrirmi di un animale rincorso, terrorizzato, ferito, che ho guardato negli occhi mentre lo finivo.
    Immaginando che questo possa mai essere necessario alla mia sopravvivenza penso a quelle popolazioni “primitive” in cui l’uccisione della preda ? accompagnatada un profondo rincrescimento e da riti di gratitudine a Madre Natura e di scuse per lo spirito di quello stesso animale.
    E’ la mancanza di piet? ci? che mi sconvolge e mi scuote nel profondo.
    Le campagne durante la caccia si traformano in scenari di guerra, di sopraffazione: anche solo uno sparo che riecheggia in lontananza ? un suono sinistro che attanaglia le viscere.
    Come ? possibile non condividere invece quel senso di meraviglia che blocca il respiro, rendendoti per un attimo un fortunato intruso, quando dietro le fronde scorgi anche solo per un attimo un ignaro capriolo, un dolcissimo leprotto,un Jonathan Livingston che ci ricorda che si pu? ancora volare, un nido sapientemente costruito? queste sono scariche di adrenalina che fanno bene al cuore, non fiutare la paura di un essere vivente e braccarlo: questa si chiama violenza.
    Lo so che la vita non ? un cartone animato, ma credo ancora che la cattiveria e l’insensibilit? si possano debellare. Grazie a tutti voi belle persone che ho “incontrato” qui . Buon Natale.

  22. francesco scrive:

    Sono francesco e sono nuovo di questo blog, sono cacciatore e so di trovarmi in mezzo ad un “mare di nemici”, volevo comunque fare gli auguri di Natale e felice anno nuovo a tutti, fiducioso verso un confronto civile tra le parti, senza sperare che delle persone si ammazzino durante una battuta di caccia.
    PS: Condanno anche gli atteggiamenti arroganti di qualche cacciatore, che di conseguenza non va rispettato.

  23. Vanessa scrive:

    Caro Mister Apologeta….sinceramente non ho bisogno di giustificare il mio nome con lei e poi mi farebbe altrettanto schifo uscire a cena con lei!!!!! e poi ancora si rilegga i suoi interventi sul blog e mi dica chi tra tutti noi ? stato superbo!!!!!!
    Purtroppo da oggi in poi dovremo imparare a non rispondere ai poverini che non sanno come passare il tempo e sparano stronzate a raffica senza sapere perch? sono al mondo e senza conoscere tutto il bello che li circonda!!!!! Mi spiace proprio prer te, ma la natura con te ? stata prorio crudele….ti ha fatto piccolo, piccolo, quasi invisibile!!!!! Bye, Bye Signor sapientone!!!!!

  24. daniela scrive:

    Ciao Francesco, forse ti sei cacciato, per rimanere in argomento, nella tana del lupo!
    Ben venga un confronto costruttivo: adoro i cacciatori pentiti e forse potresti presto essere uno di loro…
    Perch? non cambiamo per un attimo punto di vista e non vediamo se per caso siamo proprio noi umani poco compatibili con l’ambiente?
    E’ “scientificamente provato” che gli animali non sanno pi? dove rifugiarsi: gli insediamenti umani sottraggono spazio vitale ai poli come nelle grandi foreste mettendo in pericolo non solo loro ma anche le popolazioni indigene.In nome dell’equilibrio ambientale o forse di interessi economici?
    Scusate ma chi stabilisce,eticamente, le priorit??
    Non ? che forse anche leoni, pinguini, orsi e quant’altro avessero un fucile (e ripeter? all’infinito: la cattiveria umana) si rompessero le palle decidessero di ridurre il nostro sovrannumero per la salvezza di un equilibrio pi? consono ai loro interessi? Magari quello di non morire soffocati da sacchetti di plastica e petrolio?
    O stavamo parlando di qualche buchetta di talpa negli orti? Cavoli avessi un fazzoletto di giardino pianterei un albero da frutta proprio per attirare e nutrire gli uccellini, e godere del loro cinguettio. Rispetto, ci vuole rispetto.
    Vuoi mettere armarti di una bella macchina fotografica e tornare a casa con qualche bella immagine rubata di quel poco di natura ancora incontaminata in un mondo sempre meno al sicuro dall’immondizia?
    Aho! tutte le creature hanno diritto di stare su questa terra e noi stiamo invece facendo terra bruciata anche sotto i nostri piedi. Ma un altro mondo dove andare non c’?.
    Allora qualche volta, in silenzio, proviamo gratitudine per qualcosa che ci ? stato regalato ma che non ci appartiene , se non per prendercene cura.

  25. Barbara scrive:

    Ciao Francesco, tanti cari auguri anche a te che a quanto ho capito dalle poche righe che hai scritto appartieni alla categoria dei cacciatori rispettabili e con i quali si pu? ” aprire un tavolo di confronto ” senza azzuffarsi per non approdare a nulla. Contrariamente a quel che pu? sembrare quando mi lascio trascinare in discussioni che a volte trascendono dal civile ( mi rendo conto che a volte faccio qualche battutaccia ) se mi trovo come controparte persone serie e ragionevoli ascolto e pondero prima di dare dei giudizi. Sono stata invitata a parecchi dibattiti e convegni organizzati da cacciatori, da ambientalisti, associazioni di volontariato sull’ambiente, l’agricoltura e la caccia con la partecipazione di ambientalisti, presidenti di associazioni venatorie, guardie forestali ecc. Non ci siamo scannati ma abbiamo dibattuto civilmente esponendo ognuno i nostri pensieri e cercando la maniera di accontentare tutti, senza dimenticare gli agricoltori. Bando ai sentimentalismi che poi divento troppo buona con i cacciatori e non va bene… Cambio argomento: per gli amanti del verde, della natura e della sua salvaguardia visitate il sito mangiatrekking.interfree.it e guardate cosa pu? nascere da un gruppo di amici che decidono di riportare all’antico splendore i luoghi dell’infanzia. Ne vale la pena! Ciao e auguri a tutti voi di animali e animali ed agli amici del blog!

  26. bruno scrive:

    per barbara.sai cosa a me fa girare i coglioni che gente come l’apologeta sviino l’attenzione sul fatto che in questo momento nel pianeta vengono cacciati animali sull’orlo dell’estinzione e milioni di persone non sanno neanche che esiste la tigre siberiana uno dei felini pi? grandi di questo pianeta,come non sanno che esiste il leopardo nebuloso in indocina sempre se mentre io sto scrivendo non si ? estinto definitivamente o il gau sempre in indocina.tutti nel mondo mangiamo carne ma non c’? bisogno di andare ad ammazzare animali per sport perch? prima di tutto non ? uno sport, e secondo non c’? neanche onore ad abbattere un animale con un fucile.

  27. ansel scrive:

    Cara Licia, cari animalisti, cari cacciatori…. un commentatore del mio blog mi ha segnalato che anche qui si parlava di Zampa e Mathias. Comunque la pensiate questa vicenda non si ? conclusa in quel giorno di novembre e all’indirizzo qui sotto – se volete – potete leggere il seguito e vedere alcune fotografie:

    http://www.fuoridalpalazzo.it/2006/12/nuovo-cucciolo-per-mathias-auuu.html

    ciao ciao
    ansel

  28. Clara scrive:

    Fortunatamente Mathias ha trovato un nuovo amico, anche se ? triste chiamarlo “nuovo” perch? sarebbe bastato Zampa a riempirgli il cuore.

    Premetto che non sono animalista, ma vivo in aperta campagna e so cosa sono i cacciatori, ormai ? diventato pi? uno stress stare qui che in citt?. Avr? fatto fare la mia recinzione una decina di volte non c’? stato verso… Puntualmente mi trovo la rete rotta e i miei animali azzannati da cani affamati. Gente che ti punta il fucile e si fa grande del fatto che ha un arma in mano e non gliene frega niente della propriet? privata. E che fai a quel punto?

    I miei cavalli molte volte scappano e la mia paura ? solo una: se trovano un cacciatore possono finire la loro vita. Io conosco solo un cacciatore in tutta la mia zona che ? veramente onesto e giusto. Se ci sono delle regole in cui bisogna stare a un tot di metri lontano da qualsiasi area privata perch? doverle infrangere? Perch? non posso andarmene tranquilla anche dentro il mio di bosco? Perch? tutto questo? Ed ecco che si scatena una sorta di odio verso qualsiasi persona che ha un fucile in mano. Io a casa mia voglio stare serena e non con l’angoscia che ogni giorno possa passarmi davanti la finestra un energumeno armato. Beh se ci pensate bene chi ha il diritto di togliere la vita a un animale? Con quale assurda motivazione? Gli animali sono in esubero? Perfetto… mettiamo altri animali che caccino quelli in esubero, perch? dovete pensarci voi cacciatori a queste problematiche? E poi… per quale motivo sono in esubero? Forse perch? qualcuno (o molti) ha cacciato qualcosa che non doveva? La natura non ? cos? scema; credo che abbia bisogno di un p? di rispetto, e fortunatamente leggendo qui fra i commenti qualcuno l’ha capito. Non siamo scemi nemmeno noi.

    Apologeta, forse sono arrivata un p? troppo tardi per instaurare un determinato dialogo con te, ma da tutti i tuoi commenti noto solo una gran voglia di aver ragione, una gran voglia di difendere a tutti i costi la vostra “specie” e questo non mi pare molto intelligente da una persona che dovrebbe avere una certa maturit?.

    I cacciatori ormai sono diventati cacciatori solo per il gusto di ammazzare una preda e non come ai vecchi tempi per cibarsi. Non andiamo a tirar fuori discorsi che sono i salvatori della vita umana, perch? cos? non ?. Esistono diverse soluzioni per tutto e la gente armata dovrebbe esistere solo quando si parla di guerra. La natura non ? un campo di battaglia. Se volete divertirvi a sparare approvo l’idea di qualche commentatore in questo blog: sparatevi fra di voi, perch? almeno sarete consapevoli delle vostre scelte e se non all’una o alle due il vostro momento ? vicino. Lasciate in pace noi persone che abitiamo nelle campagne e che tutti i giorni devono combattere contro gente che non sa cosa vogliono dire “regole” e “propriet? privata”. Faccio di tutta l’erba un fascio? S? mi spiace ma sono stufa di vedermi i miei gatti ammazzati da poveri cani affamati, di vedere gli stessi cani affamati, di vedere gli stessi cani ridotti in condizioni disastrose e di vedermi la gente in casa. I cacciatori onesti? Devono vedersela con chi non lo ?, per me la caccia pu? anche sparire definitivamente e se cos? sar? mi spiace per quelli che lo fanno con la testa ma ci sono troppe persone che non sanno cosa voglia dire avere un’arma in mano, tanto vale levarla a tutti.

    Ci mettete in condizione di armarci anche noi se andr? avanti cos?. E se vi trovate una pallottola in fronte sono cavoli vostri, poi vediamo chi era quello nel giusto e quello nel torto.

    Buon proseguimento.

  29. Barbara scrive:

    Per Bruno: sono d’accordo con te soprattutto sul fatto che non ci si possa camffare dietro al classico “per? la fettina la mangi” che equivale al “con tutti i bambini che soffrono voi pensate agli animali”. Sono due classici dei non amanti degli animali che non fanno comunque nulla n? per i bimbi n? per gli animali e nascondono la testa sotto la sabbia per non ammettere le cose che tu hai giustamente puntualizzato!

  30. vanessa scrive:

    Meno male che di persone intelligenti al mondo ne esistono….purtroppo non si finir? mai di lottare contro gli stupidi…perch? quelli purtroppo continuano a nascere e non si rendono conto che stanno rovinando l’aria che respirano e la terra sul qale camminano!!!! Sono completamente d’accordo con bruno e con clara….

  31. bruno scrive:

    brava clara secondo me chiunque va in giro armato con una doppietta per i boschi magari per ammazzare una lepre che quando l’acchiappa non so cosa ne rimane di carne da mangiare (ma comunque sorvoliamo su questo pensiero) dovrebbe essere arrestato ed essergli ritirata l’arma.Io non ho mai avuto un arma e l’unica volta che ho sparato con un fucile ? stato quando ho fatto il servizio di leva al poligono di tiro.Persone che vanno in giro con un fucile a spalla come dei poveri pirla come se dovrebbero fare la guerra.

  32. luca scrive:

    E tu vanessa sei intelligente?? perche non vieni a caccia con me in maremma…..

  33. Barbara scrive:

    Per approfondire l’argomento ho visitato ilsito di ansel ed ho notato che ci? che inzialmente su questo sito veniva contestato erano le parole di Licia su presunti cacciatori che hanno ucciso il cane… apriti cielo! Come si ?permessa non sono stati identificati…ecc… ebbene sull’articolo pubblicato nel blog di ansel viene detto che l’associazione dei cacciatori ha presentato le scuse ed altre frasi di routine. Frasi che comunque fanno capire che a commettere il delitto sono stati ancora una volta “i soliti noti”. Noti soprattutto ai loro colleghi!

  34. zAMPA UCCISO DA UN CACCIATORE scrive:

    Buongiorno, mi chiamo Loredana, animalista, iscritta alla Lav ed e.n.p.a. probabilmente gente come noi ? odiata.Non sono daccordo con la caccia, un tempo si cacciava per fame, ora per regolamentare un’esubero di ungulati sul territorio, potessi fermare la caccia, lo smercio di pelicce l’allevamento a scopo di lucro lo farei, ma non posso………Posso solo esprimere quanto penso sulla questione del lupo cecoslovacco ucciso dai cacciatori:Ho anche io due lupi cecoslovacchi, ed un rottweiler che tengo rigorosamente confinati ai limiti della mia propriet?.Sono del parere che la mia liberta’ inizia dove finisce quella dell’altro, e faccio in maniera che i miei animali non invadano il territorio altrui.zampa ? stato ucciso da un cacciatore che se lo ? visto arrivare a tre metri di distanza….? stata una reazione umana…ma mi chiedo che cavolo ci facesse quel cacciatore a 70 metri dalla casa dl proprietario del cane…ma non conosco le leggi che regolamentano la caccia, quindi mi limito ad esprimere il mio pensiero.I cani vanno tenuti legati e sotto controllo durante lo sgambamento.non possiamo permetterci il lusso di lasciarli liberamente girovagare e lamentarci poi se incappano in qualche incidente………..

  35. Jek scrive:

    Premetto che sono capitato per caso in questo discorso e leggendo Sono veramente rimasto allibito dalle conclusioni tratte da tutte quelle persone che si definiscono “ANIMALISTE”.
    Mi sembra di leggere con altri riferimenti e soggetti ma con la stessa arroganza e prepotenza i messaggi di terroristi,per fortuna persone come Vanessa(sono molte per sfortuna) non anno idee filo Bin Laden
    e sono arrabbiate solo con i cacciatori,al contrario potrebbe essere una di quelle che con una bella cintura esplosiva si emulerebbe in un centro commerciale, di una nazione cristiana. Oggi sono sicuro che non si possa generalizzare su nessun argomento,e sono altrettanto certo che solo con obbiettivit? ed intelligenza ci si possa misurare su argomenti pi? o meno scottanti,tralascerei pero quelle forme sommarie tipo”che si sparino tra di loro”oppure “tutti sono stupidi l’unico intelligente sono io” cosi non si fa altro che annebbiare il dialogo e passare per seri “IMBECILLI”

  36. vanessa scrive:

    Ah, Ah caro Luca che battuta….mi sto sbellicando!!! Di certo hai dimostrato poco intelligenza tu a scrivere cos? solo per accendere una discussione…sono MOOOOLTO pi? superiore di te: non ti rispondo neanche…in bocca al lupo nella maremma, stai attento a non farti male, poverino l’ignorantino!!!!

  37. graziello scrive:

    Ore 7,00 di oggi 4/1/07. Rimango allibito. Sito LAV. Caccia “QUESTIONE DI ORDINE PUBBLICO”. Cacciatore ucciso in Sicilia (Grazie a Dio l’unico dell’intera stagione venatoria). Certamente non ? bello apprendere tali notizie. Ma ? giusto che questi Signori creino tanti allarmismi.
    Considerato che solo durante il ponte di Capodanno ci sono stati 31 (preciso TRENTUNO) morti sulle strade perch? non propongono al loro sostenitore Pecoraro di non far pi? circolare nessuno e 2 morti pi? altri 2 individui in coma sulle montagne e piste da sci, di vietare anche questi sport. Saluti

  38. graziello scrive:

    PS al messaggio precedente
    “da quando in qua questi Sigg. hanno cos? a cuore la vita dei Cacciatori?”
    Ritengo doveroso a nome di tutta la categoria ringraziarli.

  39. francesco scrive:

    w la caccia

  40. francesco scrive:

    Vorrei raccontare lo stato d’animo della popolazione di una zona dell’appennino dove ultimamente sono stati rilasciati per il ripopolamento 13 lupi.
    Avendo avuto modo di parlare con pi? di un abitante di quella zona, ciascuno di essi mi ha esternato la propria preoccupazione per l’incolumit? di se stesso, i suoi familiari e chi, in possesso, dei propri animali (pecore, polli, ecc…).
    La riflessione che mi viene in mente ribadendo che non sono assolutamente animalista, e il pensare della contentezza di chi vive nel centro di Milano (citt? presa a caso) e si definisce animalista, per il fatto che il lupo, inteso per specie, ? tornato ad abitare le nostre montagne, senza ovviamente pensare alle conseguenze negative che questo pu? comportare, tra qualche anno i lupi potrebbero essere di pi? e se capitasse un periodo freddo con abbondanza di neve, i selvatici si avvicinerebbero alle abitazioni per la fame o l’impossibilit? di vivere sotto un metro di neve, terrorizzando le persone.
    In generale quello che voglio dire, ? di festeggiare quando a vincere sono gli animali, ma tenere presente anche la compatibilit? con la presenza dell’uomo, e di mantenere la scala dei valori secondo la sua logica: l’ uomo viene sempre prima di ogni cosa, che non vuol dire non avere rispetto per la natura.
    PS. comunque sempre viva la caccia

  41. Barbara scrive:

    Il punto non ? avere a cuore la salute dei cacciatori, ma pensare che al posto di un cacciatore pu? esserci nei boschi una persona completamente estranea alla caccia! Altra cosa che ho dimenticato di citare nei luoghi comuni (lettera precedente) ? appunto quella degli incidenti negli sport… perch? cavolo ci ostiniamo a classificare la caccia come sport? Lo sport non si fa per uccidere a sangue freddo. Potrebbe essere pi? sportivo quello che facevano i romani: uomini contro animali a mani nude in una arena… peccato solo che gli uomini erano schiavi obbligati a farlo perch? quei gran signori avevano solo il coraggio di mandarci gli altri nelle arene. I cacciatori affrontano gli animali ma solo col fucile o con i lacci e le tagliole. Gli sport possono essere pericolosi, ma difficilmente mortali e comunque non si parte con un fucile in mano che di sportivo non ha nulla!

  42. graziello scrive:

    In merito al mio precedente relativo al comunicato LAV, basta collegarsi al sito http://www.ilcacciatore.com, per constatare, nel comunicato CNCN (Comitato Nazionale Caccia Natura), effettivamente quanto faziosa sia tale notizia, creando allarmismi ingiustificati presso la pubblica opinione.
    W LA CACCIA

  43. francesco scrive:

    I cacciatori non vanno a caccia con i lacci o le tagliole, QUELLI SONO BRACCONIERI E FANNO PARTE DI UN ALTRA CATEGORIA, CHE VA’ ANNIENTATA UNENDO LE FORZE TRA CACCIATORI ED ANIMALISTI.
    Il cacciatore pratica la sua passione rispettando le regole e sapendo di essere sconfitto dall’animale 9 volte su 10. Questo ? il bello della caccia.

  44. L'Apologeta scrive:

    Sono basito per la totale confusione che avete tra caccia, bracconaggio e tutti gli argomenti che ci girano intorno. Nonch? della maleducazione di alcuni, per fortuna non tutti. Ma se non avete nessuna conoscenza dell’argomento che trattate, da dove tirate fuori il coraggio di esprimervi?
    Ma d’altr’onde si sa: dove finisce la ragione cominciano gli insulti.
    Comunque a parte elenchi di stereotitpi e di luoghi comuni sono state poche le risposte sensate, che comunque ringrazio per la buona volont?.
    Quel che dovevo dire l’ho gi? detto e, non avendo ricevuto repliche degne di replica, per ora non mi sembra di aver nulla da aggiungere, se non col rischio di ripetermi. Mi sembra di essermi espresso chiaramente, finora.

  45. L'Apologeta scrive:

    E comunque, per la cronaca, dal Codice Civile:

    Art. 842 – Caccia e pesca

    Il proprietario di un fondo non pu? impedire che vi si entri per l’esercizio della caccia, a meno che il fondo sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge sulla caccia o vi siano colture in atto suscettibili di danno.
    Egli pu? sempre opporsi a chi non ? munito della licenza rilasciata dall’autorit?.
    Per l’esercizio della pesca occorre il consenso del proprietario del fondo.

  46. Andrea scrive:

    Resto basito nel vedere per la prima volta questo sito e trovare tanta ignoranza.
    Voglio ricordare a quelle persone che non conoscono la caccia di farsi un minimo di cultura su quello che ? stata e quello che ? la caccia.
    A quel signore che da del pirla a chi ha la doppietta vorrei chiedere se lui ? l’uomo perfetto, o magari al posto di utilizzare la doppietta usa in modo indiscriminato tutto quello che inquina l’ambiente!ma quella ? una cosa diversa! non si uccidono gli animali ma le persone!!!!
    Vi invito nel riflettere su quanto dite ma soprattutto prima di esprimervi parlate con i cacciatori, ho detto cacciatori non delinquenti!

  47. francesco scrive:

    Bruno: secondo me dovresti andare a dare da mangiare ai canarini zoppi

  48. Fred scrive:

    Nooooo!! Franc? eri venuto a fare danni anche su questo blog!!?? basta sei ossessionante!! a me hai detto di andare a pettinare le zebre nella giungla ,a Bruno hai detto di andare a dar da mngiare ai canarini zoppi ( si quelli che azzoppi tu vero??) secondo me hai le idee un p? cofuse ,si vede che non riesci proprio a trovare argomenti intelligenti da tirar fuori! …….comunque condivido il tuo pensiero sui bracconieri anche se devi tener presente che i bracconieri appartengono comunque alla categoria dei cacciatori .Poi scusami ma tu di lupi non ne capisci veramente un …Biiiiip, ti parla uno che vive in una terra da sempre abitata da questo splendido predatore,(sappi che non vivo al centro di milano e che i lupi li studio per passione!!) hai prospettato uno scenario a dir poco ridicolo, caro mio io il lupo in natura ho avuto la fortuna di incontrarlo pi? di una e come vedi sono tutto intero,sei di una banalit? preoccupante,di un’ignoranza degna di un Neandertal,o forse temi che il lupo riprenda il ruolo che la natura gli ha riservato e cio? qullo di predatore selettivo, ? si forse se il lupo tornasse non ci sarebbe pi? bisogno di fare battute di caccia speciali per il contenimento demografico di cinghiali e caprioli. Per piacere prima di sparare ,non solo con il fucile,fai affluire un p? di ossigeno al cervello !!

  49. francesco scrive:

    Fred o Cucc, ascolta io non voglio “litigare” con te per nessun motivo, anche se ti ripeto che mantieni un atteggiamento provocatorio. Non entro nei particolari del tuo intervento, voglio solo ricordarti che sono totalmente contro ogni forma di bracconaggio, il bracconaggio non ? caccia ma ? delinquenza allo stato puro. La caccia di selezione volente o nolente ? l’unica forma di gestione di certi animali; immettendo pi? lupi diminuirebbero le altre specie che noi abbattiamo secondo i criteri della selezione, ma aumenterebbero loro stessi a dismisura.
    Riguardo alle mie frasette, esse vogliono risultare pi? simpatiche che arroganti, se non lo sono chiedo scusa.
    Credo che queste riflessioni non siano da Semplice deficente, ma piuttosto corrette ed imparziali rispetto ai diversi punti di vista.

  50. Fred scrive:

    una precisazione “I LUPI NON VENGONO REINTRODOTTI ” pian piano stanno riguadagnando quei territori dai quali l’uomo li aveva cancellati e questo avviene in modo naturale e grazie al regime di protezione al quale sono stati sottoposti in questi anni!! ………………la situazione di questo meraviglioso animale sta migliorando ma c’? ancora molto da fare

Scrivi un commento

Spam protection by WP Captcha-Free

Security Code: