9 MILIONI DI EURO PER CANI E GATTI

Con Decreto del 13 maggio 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.169 del 22 luglio scorso, il Ministro della Salute Francesco Storace ha stabilito i criteri per la ripartizione dei fondi, nove milioni di euro per gli anni 2003-2005, per “Realizzazione strutture e impianti lotta al randagismo”, previsti dall’articolo 2 (tabella A punto 42)della Legge del 29 dicembre 2003, n. 376. Fondi questi ottenuti grazie all’emendamento del senatore Sauro Turroni dei Verdi in una “leggina” di finanziamenti a pioggia per, in genere, opere locali.
I denari saranno concessi per i progetti che riguardano: strutture di rifugio dei cani randagi; strutture per la sterilizzazione di cani e gatti; centri di adozione e di rieducazione comportamentale canina con particolare riferimento alla tutela dell’incolumit? pubblica dall’aggressivit? dei cani.
I finanziamenti potranno essere richiesti dai Comuni, associazioni di Comuni, Comunit? montane, Province e Regioni; Universit? e Istituti di ricerca; associazioni ed enti che perseguono finalit? di tutela degli animali riconosciute a livello nazionale e/o regionale.
Ai fini dell’erogazione dei finanziamenti – scrive il Ministro – saranno anteposti, in via prioritaria, i seguenti progetti: progetti che prevedano il coinvolgimento di pi? enti e/o associazioni; progetti che prevedano strutture in rete tra comuni (strutture multizonali); progetti articolati che contemplino allo stesso tempo lo sviluppo di piano di sterilizzazione e di adozione.
Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione inerente il progetto da finanziare: presentazione e descrizione dell’opera; progetto di massima; tempi di realizzazione; disponibilit? dell’area; enti finanziatori; rapporti numero animali ospitati/area struttura; descrizione della attivit? e servizi integrati all’intervento strutturale (progetti di sterilizzazione, identificazione animale, adozione); responsabile del progetto; preventivo di spesa; statuto e atto costitutivo (per le associazioni o enti di cui all’articolo 2, comma 1, lettera c).
Gli enti e le associazioni interessate ad accedere ai finanziamenti, dovranno indirizzare domanda scritta in carta semplice, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, al Ministero della salute – Direzione generale della sanit? veterinaria e degli alimenti – Ufficio X, piazza Marconi, 25 – 00144 Roma, inoltrandone copia anche alla Regione di appartenenza che provveder? a notificare il proprio parere all’Ufficio ministeriale stesso.
L’augurio ? che questi fondi straordinari, rispetto a quelli annuali sullo stesso tema divisi dal Ministero della Salute fra le Regioni, siano concentrati in attivit? concrete, utili davvero, facilmente e nel pi? breve tempo possibile realizzabili.
Gianluca Felicetti

4 Commenti a “9 MILIONI DI EURO PER CANI E GATTI”

  1. Antonello scrive:

    Queste sono belle notizie!
    Speriamo che gli enti pubblici li usino bene.
    Attendiamo fiduciosi.
    Un saluto
    Anto

  2. luciana scrive:

    Salve, siamo un congruo numero di persone che si occupano di tantissimi cani abbandonati, diamo loro da mangiare e da bere, ma per soddisfare la loro sete d’affetto non possiamo fare molto, sono davvero tanti qui a Lecce e cos? abbiamo pensato ad un rifugio. Avremmo bisogno di una bozza di progetto non sappiamo da dove cominciare. Chi pu? aiutarci?

    Grazie ciao

  3. Marta scrive:

    In riferimento al messaggio di Luciana del 22 agosto, Vi chiedo a chi posso rivolgermi per avere una lista completa delle strutture di accoglienza per cani e gatti esistenti ad oggi (Provincia Venezia). Inoltre, quali sono le modalit? di presentazione per un progetto (per evitare anche che sia utilizzato da altre persone/enti ma con mia esclusione)? Grazie e saluti.

  4. Francesca scrive:

    vorrei sapere gentilmente dove posso portare a sterilizzare gratuitamente a Roma 2 gatte di strada che accudisco giornalmente…
    se e’ possibile vorrei avere un indirizzo o un contatto dove chiamare…
    grazie 1000
    Francesca

Scrivi un commento

Spam protection by WP Captcha-Free

Security Code: