AGNELLI NEL PIATTO, A PASQUA UNA SCELTA CONSAPEVOLE

Nei giorni scorsi ho visionato i dati dell’Istat rispetto alla macellazione di caprini e ovini. Ve li espongo velocemente: nel 2005, nel solo mese di marzo, sono stati macellati 928.261 animali, tra ovini e caprini, una cifra che ammonta al doppio del ‘normale’ ritmo di macellazione, come attestano i dati del febbraio 2005, che ne ha visti uccidere ‘soltanto’ 451.450.
Il picco corrisponde ogni anno con il periodo immediatamente precedente la domenica di Pasqua.
Quindi, ancora una volta come gi? accaduto negli anni scorsi, dalle pagine di animalieanimali, per queste festivit? pasquali, vi chiedo di fare una scelta consapevole anche quando vi sedete a tavola.

5 Commenti a “AGNELLI NEL PIATTO, A PASQUA UNA SCELTA CONSAPEVOLE”

  1. bruno scrive:

    a me mi ? capitatato un po’ di volte di mangiare l’agnello in quanto persona carnivora per? mai nelle ricorrenze pasquali anche perch? non credo ne in gesu cristo ne in dio

  2. magash scrive:

    mai mangiato agnello. mai mangero’ agnello.
    trovo abominevole uccidere animali.

  3. francesco scrive:

    Non sai che ti perdi.

  4. Eva scrive:

    Io lo so che mi perdo. Da piccola ero onnivora.
    Ma siccome dentro di me non ? lo stomaco a dare ordini, bens? sopratutto testa e cuore, ci? cui ho rinunciato non solo non mi ? costato nulla, ma anzi in poco tempo quello che tu definisci una “perdita” ? diventato un sapore/odore nauseabondo, peggio del cadavere di un bambino sotto il letto.
    E sottolineo bambino. Perch? sembra che un cadavere sia un cadavero solo quando ? di specie umana, mentre non ? affatto cos

  5. francesco scrive:

    Eva: diventa grande e cerca di fare similitudini un pò più appropriate.

Scrivi un commento

Spam protection by WP Captcha-Free

Security Code: